Lascia un commento

Esclusivo da www.pomezianews24.com, comitati di ex fornitori DIMA ed acquirenti di Parco della Minerva sono pronti ad invadere le Procure: un nuovo terremoto giudiziario all’orizzonte?

tratto da http://www.pomezianews24.com

Le ultime notizie che sono uscite sugli organi di informazione relative alla reale posizione di RAETIA SGR e allo scandalo dei fallimenti d’oro di cui si sta occupando la procura di Perugia, devono aver rappresentato la classica goccia che ha fatto traboccare un vaso già stracolmo per persone il cui limite di sopportazione sta arrivando veramente ad un punto di non ritorno. Ci è giunta voce proprio in queste ore infatti, che ieri sera (lunedi  5 marzo) si è svolta un’infuocata riunione alla quale erano presenti circa 70 persone, in rappresentanza di ex fornitori, ex dipendenti ed acquirenti di Parco della Minerva che, letteralmente infuriati per tutto quello che hanno letto in questi giorni, hanno deciso di vedersi per fare il punto della situazione ed adottare una strategia comune. Ebbene, sembrerebbe (la notizia da ufficiosa dovrebbe diventare ufficiale già entro venerdi) che questa strategia comune abbia portato ad una decisione clamorosa, ossia quella di una valanga di denunce  nei confronti di tutti i protagonisti della vicenda: funzionari, consulenti, tecnici, banchieri, amministratori delegati e chi più ne ha più ne metta. “Siamo stati truffati, è inutile girarci intorno – dichiara un fornitore che ha preso parte all’incontro di ieri – è stato dimostrato che i soldi c’erano, ma l’amministratore delegato di allora voluto dalle banche, il dottor Egidi, ha preferito dare questi soldi guarda caso proprio alle banche e farci fallire, vi sembra una cosa normale?”. “Non abbiamo più niente da perdere e siamo pronti davvero a tutto – ci ha detto un altro ex fornitore  che ha dovuto chiudere l’azienda ed ora è disoccupato – mentre io finivo in mezzo ad una strada perché mi dicevano che il Gruppo non poteva pagarci poiché insolvente, c’erano consulenti che dallo stesso Gruppo insolvente percepivano 700 euro l’ora, è una truffa bella e buona, questa gente va denunciata e noi siamo pronti ad invadere di querele le Procure di Perugia, Velletri e Roma, devono pagare tutti dal primo all’ultimo per la macelleria sociale che hanno provocato”. “Sto continuando a pagare per un appartamento che probabilmente mi verrà consegnato quando i miei figli saranno cresciuti, e nel frattempo pago l’affitto della casa nella quale abito attualmente – questo il punto di vista di un acquirente di Parco della Minerva – i lavori sono fermi da una vita e adesso mi dicono pure che il giudice che si è occupato del fallimento di quello che una volta era il committente, ha denunciato un sistema corruttivo alla base di vari fallimenti tra cui proprio quello della Dima, se tutto questo è vero pretendo di essere risarcito!”. Insomma, quello che si profila all’orizzonte potrebbe trasformarsi in un nuovo terremoto giudiziario, che ha tutti i contorni di una vera e propria Class Action, una battaglia della povera gente contro i titani dell’alta finanza e del mondo delle banche e  degli affari. Se per adesso, per ovvii motivi, abbiamo dovuto mantenere segrete le fonti e non siamo potuti entrare troppo nello specifico della cosa, non appena la serie di querele verrà depositata presso le apposite procure divenendo di dominio pubblico, potremo approfondirne gli aspetti e intervistare i promotori di questa iniziativa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: