Lascia un commento

Crac Di Mario, la Tercas chiede 23 milioni di euro. Udienza decisiva per i debiti dell’immobiliarista travolto da un fallimento da record Articolo tratto da ”Il Centro” di Teramo

Continua a tenere banco sui media, nazionali e locali, la vicenda relativa al fallimento del gruppo Di Mario. L’ultimo in ordine di tempo, un articolo davvero interessante a firma Lorenzo Colantonio uscito sul quotidiano “il Centro” di Teramo, nel quale il giornalista abruzzese pone l’accento su una maxi richiesta del gruppo bancario Tercas di ben 23 milioni di euro, cifra stratosferica che la banca aveva prestato all’imprenditore molisano, ora ai domiciliari in attesa di processo, definito dal giornalista “il più grande bancarottiero italiano degli ultimi anni”. Ma la cosa davvero sconvolgente di questo articolo, come potrete leggere più avanti, è che finalmente viene alla luce il vero ruolo che hanno avuto le banche nell’intera vicenda (come avevamo più volte denunciato sia noi da questo blog che i fornitori), banche che (riportiamo testualmente)  non sono solo parti offese (come nel caso di Tercas) ma, da una settimana, sono anche coinvolte penalmente. La procura di Roma ha inviato 5 avvisi di garanzia a vertici di istituti di credito ipotizzando la bancarotta preferenziale. In parole semplici: pressioni da istituti di credito sull’imprenditore fallito per farsi restituire mutui milionari. L’indagato del crac romano avrebbe quindi distratto fondi del fallimento destinati a creditori privilegiati per soddisfare le banche.

Insomma, in parole povere, anche la Procura di Roma ha deciso finalmente di scavare in fondo a tutto questo mare magnum di anomalie che da circa un anno stiamo denunciando da queste colonne!!! Siamo curiosi di conoscere i prossimi sviluppi, certo è che la Class Action che stiamo portando avanti insieme ai fornitori e gli acquirenti di Parco della Minerva appare adesso ancora più giustificata. E se poi la magistratura accerterà che sono stati distratti questi fondi (che servivano per pagare i nostri stipendi e il lavoro dei fornitori) chi ne risponderà? Chi ci risarcirà? E chi sarebbero questi “creditori privilegiati” a cui sono andati questi soldi? Fortunati loro, ci piacerebbe conoscerli per sapere come hanno fatto!

Per leggere l’articolo de “il Centro” cliccate sul link sottostante

http://ilcentro.gelocal.it/teramo/cronaca/2012/03/26/news/crac-di-mario-la-tercas-chiede-23-milioni-5734000

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: